Bernardin Surius o.f.m.,
Den Godvrugtigen Pelgrim, ofte Jerusalemsche Reyze, Gent, C.J. Fernand, 1789.

 

Edizione in due volumi.

I: 8º, pp. [3] 2-8 1-390 [2], [*]1 [**]4 A-Z4 Aa-Vv4 Vv-Zz4 Aaa-Bbb4.

II: 8º, pp. 368 [8], [A]4 B-Z4 Aa-Zz44.

 

Repertori bibliografici e cataloghi

Rignon p. 89; Tobler p. 103; Civezza n. 706; Röhricht n. 1054.

 

Immagini: coperta, frontespizio, silografie e calcografie

 

 {gallery}ITS_SET_C1{/gallery}

 

Esemplare Gerusalemme, Biblioteca Generale della Custodia di Terra Santa, ITS SET C.1/1

mm 171x103. Esemplare corto in testa. Legatura novecentesca in mezza pelle (nera all’inizio del dorso, su dorso diventa marrone chiaro), i piatti sono rivestiti di carta marmorizzata blu e nera; anima dei piatti in cartone, anche gli angoli sono in pelle. Dorso a cinque scomparti definiti da greche in doratura a caldo. Al secondo scomparto dall’alto si legge, in doratura: SURIUS || REYZE || JERUSALEMSCHE”. Al quarto scomparto dall’alto si legge, sempre in doratura, il numero del volume: “1.” Al piede consueta etichetta con attuale segnatura. Taglio spruzzato in azzurro. Una carta di guardia anteriore e una posteriore, entrambe coerenti ai risguardi, coeve alla legatura. Ex libris della Biblioteca del Convento di San Salvatore al risguardo anteriore. Al recto della carta di guardia anteriore al margine esterno superiore si legge la segnatura passata, in inchiostro nero: “D I 7”. Accanto a sinistra, a matita, segnatura attuale. Timbro rettangolare viola della Biblioteca del Convento di San Salvatore al recto della carta di guardia anteriore, ripetuto anche in altre parti del volume, anche in colorazione blu. Timbro ellissoidale blu della Biblioteca del Convento di San Salvatore al recto della carta di guardia anteriore, ripetuto anche in altre parti del volume, anche in colorazione viola. Sigillo del Guardiano del Monte Sion a c. [*]1r al margine esterno nella parte superiore della pagina. Timbro con numero di ingresso c. Bbb3v al margine inferiore esterno (02030). Mutilo della c. Bbb4 bianca. La c. [*1]r è mutila dell’angolo inferiore esterno, integrato con un pezzo di carta di apporto incollata al verso della carta; la c. Yy4 ha il margine inferiore strappato. A c. E3r piccole macchie di inchiostro marrone al margine inferiore esterno. Camminamenti di tarlo lungo la parte interna della legatura a centro di pagina dai fascicoli [*] ad A. Buono stato di conservazione.

 

Esemplare Gerusalemme, Biblioteca Generale della Custodia di Terra Santa, ITS SET C.1/2

mm 174x101. Esemplare corto in testa. Legatura novecentesca in mezza pelle (nera all'inizio del dorso, su dorso diventa marrone chiaro), i piatti sono rivestiti di carta marmorizzata blu e nera; anima dei piatti in cartone, anche gli angoli sono in pelle. Dorso a cinque scomparti definiti da greche in doratura a caldo. Al secondo scomparto dall’alto si legge, in doratura: “SURIUS || REYZE || JERUSALEMSCHE”. Al quarto scomparto dall'alto si legge, sempre in doratura, il numero del volume: “2.” Al piede consueta etichetta con attuale segnatura. Taglio spruzzato in azzurro. Ex libris della Biblioteca del Convento di San Salvatore al risguardo anteriore. Al recto della carta di guardia anteriore al margine esterno superiore si legge la segnatura passata, in inchiostro nero: “D I 8”. Accanto a sinistra, a matita, segnatura attuale. Timbro rettangolare viola al recto della carta di guardia anteriore, ripetuto anche in altre parti del volume, anche in colorazione blu. Timbro ellissoidale blu della Biblioteca del Convento di San Salvatore al recto della carta di guardia anteriore, ripetuto anche in altre parti del volume, anche in colorazione viola. Sigillo del Guardiano del Monte Sion a c. [A]1r al margine esterno nella parte superiore della pagina. Manca tutto il fascicolo O. La c. [A]1r è mutila dell’angolo inferiore esterno, integrato con un pezzo di carta di apporto incollata al verso della carta. Piccole macchie di unto al fascicolo I; L2r al margine inferiore esterno macchia di unto; VV1v al margine inferiore centrale macchia di unto. Camminamento di tarlo dal fascicolo Ss al fondo, nella parte centrale della pagina al margine interno, si va ampliando e poi si riduce ancora verso il fondo. Buono stato di conservazione.

 

Per la bibliografia sull’autore e sul testo si veda la scheda n. 55.