Christiaan van Adrichem,
Breve description de la ciudad de Jerusalem y lugares circunvecinos, Madrid, Oficina de Cano, 1799.

 

8º, pp. XVI 240 [2], *8 A-P8, ill.

Tavola calcografica ripiegata, tra le cc. K7 e K8: mappa dettagliata di Gerusalemme (mm 355x477) incisa da Manuel Navarro.

 

Repertori bibliografici e cataloghi

Tobler pp. 209-210; Röhricht n.791.

 

Immagini: coperta, frontespizio, silografie e calcografie

 

 {gallery}ITS_SET_C23{/gallery}

 

Esemplare Gerusalemme, Biblioteca Generale della Custodia di Terra Santa, ITS SET C.23

mm 151x102. Esemplare corto in testa. Legatura ottocentesca in piena pelle marrone; anima dei piatti in cartone; la pelle è molto consunta ai labbri superiori e un poco ai piatti. Dorso a cinque scomparti definiti da piccole greche in doratura. Al secondo scomparto dall’alto etichetta marrone in cui si legge, in doratura: “DESCRIPTIO || DE || JERUSALEM” Al piede, consueta etichetta con attuale segnatura. Taglio colorato di rosso. Sono state utilizzate due copie di un documento sostitutivo del sommario della bolla della santa crociata per realizzare il risguardo anteriore e la prima carta di guardia anteriore (un foglio unico piegato), e lo stesso per la seconda (e ultima) carta di guardia posteriore e il risguardo posteriore. Le parti non scritte sono state poi decorate a motivi marmorei policromi. I risguardi sono staccati dai piatti e si riesce così a leggere il testo della delega: “[stemma con croce crociata] AÑO 1810. [stemma cardinalizio di Don Patricio Martines de Bustos, commissario generale della Santa Cruzada] || POR ER SUMARIO COMUN DE VIVOS || NOS DON PATRICIO MARTINEZ DE BUSTOS, ARCEDIANO DE TRASTAMARA, DIGNITAD Y CANONIGO || de la Santa Metropolitana Iglesia de Santiago, Comisario Apostólico general de la Santa Cruzada &c. &c. &c. || Considerando que en las circunstancias en que se halla la Nacion es imposible que se execute la impresion de || todos los Sumarios de la Santa Bula en la misma forma que se ha heco en los años anteriores; y deseando qu los || fieles de estos Reynos é Islas adyacentes se aprovechen de las muchas y apreciables gracias espirituales y tempo- || rales que por dicha Santa Bula se les conceden; hemos decretado, en uso de nuestras facultades Apostólicas, que || solo pr el año de mil ochocientos diez sirva la presente en lugar del Sumario comun de Vivos (donde no le ha- || ya), y produzca los mismos efectos qu produciria el impreso que anualmente se ditribuiva á los fieles. Por tan- || to, y porque vos [spazio bianco per inserire il nome del devoto] contribuisteis con la limosna de tres reales || de vellon, podeis disfrutar con toda seguridad de conciencia de las mismas gracias espirituales y temporales que || comprehendia el Sumario impreso el año próxîmo pasado en Madrid primero de Mayo de mil ochocientos nuevo. || [(sigillo) del cardianale Don Patricio Martinez de Bustos]”. Al recto della seconda carta di guardia anteriore (ultima) completamente staccata dalla legatura, in alto si legge, di mano ottocentesca, in inchiostro nero: “es propieda de jose lop[ez] et || torres de santiago de castella || año 1868 || jose lop[ez] et torres” (cancellato); sotto si legge, in inchiostro nero, di mano novecentesca: “11 Rode || + Al P. Arce, con gra. || titud infinita, le dejo || este recuerdo antes || de irme al Congo || Isolina”; sotto ancora p. Arce annota il nome completo del donatore e la data di donazione, in inchiostro nero: “[Sánchez Reguero, Teresiana] || Madrid - 12 - 10 - 1966”. A c. E8r una mano moderna segna, in pastello viola, il valore in metri delle misure stampate: “330 metros”, tale valore è corretto, ricalcando la scritta viola in inchiostro blu da mano successiva: “925 metros”. (distanza della casa di Pilato dal Calvario). A c. E8v la stessa mano in pastello viola annota questa volte le misure della croce: “4,20 mt X 2,24 -”. Timbro rettangolare viola della Biblioteca del Convento di San Salvatore al recto della prima carta di guardia anteriore, ripetuto anche in altre parti del volume, anche in colorazione blu. Timbro con numero di ingresso a c. P7v al margine inferiore esterno (01924). Mutilo della carta P8 bianca. La tavola calcografica di Gerusalemme ha uno strappo che la attraversa nella sua parte interna, sono stati anche utilizzati dei pezzi di nastro adesivo per rinforzarla, di cui oggi rimangono le tracce sulla carta. A c. *4r macchia di inchiostro grigio al margine esterno centrale;macchia di muffa al margine superiore interno della cc. *4v e *5r. Gora di acqua all’angolo superiore esterno alto della c. F1. Camminamenti da tarlo al margine interno centrale delle cc. dai fascicoli A a K. Discreto stato di conservazione.

 

Per la bibliografia sull’autore e sul testo si veda la scheda n. 16.