João Baptista de Santo António o.f.m.,
Paraiso serafico, plantado nos santos lugares da redempçaõ regado com as preciosas correntes do Salvador do Mundo Jesu Christo, Lisboa, Domingos Gonçalves, 1734.

 

Edizione in tre volumi (si possiedono solo i primi 2):

I: 2º, pp. [36] 592, *-**6 ***4 ****2 A-Z4 Aa-Zz4 Aaa-Zzz4 Aaaa-Kkkk4 Llll2.

II: 2º, pp. [18] 633 [1], ¶-¶¶4 A-E4 F-Z6 Aa-Zz6 Aaa-Eee6.

III: 2º, pp. [16] 690.

Frontespizi impressi in rosso e in nero.

 

Repertori bibliografici e cataloghi

Röhricht n. 1384; OCLC 612677219.

 

Immagini: coperta, frontespizio, silografie e calcografie

 

 {gallery}ITS_SET_A4{/gallery}

 

Esemplare Gerusalemme, Biblioteca Generale della Custodia di Terra Santa, ITS SET A.4/1-2

mm 290x200. I due volumi hanno una legatura ottocentesca in pelle, anima dei piatti in cartone, la pelle è molto consunta. Dorso a sei scomparti definiti dai nervi in rilievo. Scomparti decorati con fregi dorati a caldo, al secondo scomparto dall’alto tassello rosso, dove si legge in doratura il titolo del testo e il numero del volume. Al piede consueta etichetta con attuale segnatura di collocazione. Resti di spruzzatura marrone al taglio. Sul primo volume, al risguardo anteriore si legge, di mano ottocentesca in inchiostro marrone, una nota di conto “1835-1814=11”; accanto nota della stessa mano cancellata e di difficile lettura “Retao Por Angelo S. || de Podo (?)”. Al recto della carta di guardia anteriore timbro rettangolare viola della Biblioteca del Convento di San Salvatore, ripetuto anche in altre parti del volume, anche in colorazione blu. La c. ***4, a causa di uno strappo, manca di gran parte del materiale cartaceo. Il volume è tarlato. A c. Bb1r di mano settecentesca in inchiostro marrone nota (in riferimento a un passaggio del testo), dove si dice come una determinata pratica non si usi più “Ja no hay || tal obligacion”. Timbro con numero di ingesso alla c. Eee6v (04127). Esemplare in cattivo stato di conservazione. Sul secondo volume, al risguardo anteriore, in inchiostro marrone, nota di mano settecentesca: “para la vice pro(cu)ra de Belen, ano 1734”. Esemplare in cattivo stato di conservazione, numerosi camminamenti da tarlo e molte pagine macchiate da umidità.

 

Il francescano della provincia del Portogallo João Baptista de Santo António raccoglie nel primo tomo una descrizione dei principali santuari della Custodia affidati ai Francescani, nel secondo contiene una storia delle Crociate, mentre il terzo tratta del pellegrinaggio in Terra Santa. João Baptista de Santo António fu procuratore dei Luoghi Santi di Gerusalemme.