Jean Boucher o.f.m.,
Le Bouquet sacré, compoé des roses du Calvarie, des Lys de Bethleem, des Iacintes d’Olivet, Lyon, Horace Huguetan, 1660.

 

8°, pp. [16] 501 [19], A-Z8 Aa-Kk8 Ll4, ill.

Testo che conobbe un buon numero di edizioni a cavallo tra il XVII e il XVIII secolo. Una tavola fuori testo con l’immagine silografica dell’autore tra le cc. A1 e A2 (mm 120x78).

 

Repertori bibliografici e cataloghi

Tobler p. 92; Civezza n. 87; Röhricht n. 925.

 

Immagini: coperta, frontespizio, silografie e calcografie

 

 

 

Esemplare Gerusalemme, Biblioteca Generale della Custodia di Terra Santa, ITS SEI C.7

mm 153x97. Esemplare ampiamente rifilato. Legatura novecentesca in mezza pelle con i piatti rivestiti di carta marmorizzata nera e marrone; anima in cartone. Al dorso, a quattro scomparti, greca dorata in testa e si legge, sempre in doratura: “1610-12 || BOUCHER || BOUQUET SACRE”. Al piede consueta etichetta cartacea con attuale segnatura. Ex libris della Biblioteca del Convento di San Salvatore al risguardo anteriore. Al recto della carta di guardia anteriore si leggono le passate segnature (B I 22; ITS 54). A c. A1 r nota d’uso, resa quasi illeggibile da una gora d’acqua; nella parte inferiore della pagina: “ad usum || patrii Jacobi || Aribus de ordini || obsevanti”. A c. A2r in alto nota settecentesca: “pro bibliot de min(or)i de Obser. Conv. Canpeuson(?)”. A c. A2v in alto nota settecentesca resa quasi illeggibile da un’ampia gora d'acqua: “ ad usum fratrii (…?) || yacobi Aribus minorum || oservantier”. A c. B1 r in centro, spostata sulla destra, nota settecentesca: “ad usum patrii Yacobi || Aribus || de || obs’”. La tavola fuori testo con l’immagine silografica dell’autore è stata riprodotta in epoca moderna. Timbro rettangolare viola della Biblioteca del Convento di San Salvatore al recto della carta di guardia anteriore, ripetuto anche in altre parti del volume, anche in colorazione blu. Timbro ellissoidale blu del Convento della Biblioteca di San Salvatore a c. A1r nella parte inferiore della pagina a sinistra. Timbro con numero di ingresso a c. Ll4 in basso centrale (01917). Mutilo della c.Bb8. Le cc. Cc6 e Cc7 sono state rifilate tantissimo al margine esterno. Macchie di inchiostro, gore d’acqua e camminamenti di tarlo su alcune carte. Discreto stato di conservazione.

 

Il viaggio si articola attraverso le diverse tappe: la Grecia, l’Egitto, l’Arabia e la Palestina; libro ricco di notizie, ma fornite, come ricordava già Marcellino Civezza, senza rigore critico. Si segnala invece la profonda pietà dell’autore verso i Luoghi Santi, pietà che traspare dalle pagine del testo stesso.