Marcel Ladoire o.f.m.,
Voyage fait a la Terre Sainte en l’année 1719. Contenant la description de la ville de Jerusalem, tant ancienne que moderne, avec les moeurs & les coustumes des Turcs. Par le frere Marcel Ladoire, Paris, Jean Baptiste Coignard, 1720.

 

12°, pp. [12] 398 [10], ã6 A-R12 .

 

Repertori bibliografici e cataloghi

Tobler p. 122; Civezza n. 319; Röhricht n. 1345; sbn IT\ICCU\TO0E\050269.

 

Immagini: coperta, frontespizio, silografie e calcografie

 

 {gallery}ITS_SET_C10{/gallery}

 

Esemplare Gerusalemme, Biblioteca Generale della Custodia di Terra Santa, ITS SET C.10

mm 161x90. Esemplare corto in testa. Legatura ottocentesca in piena pelle marrone, anima in cartone; dorso a sei scomparti con nervi in rilievo da sotto la pelle. Al dorso fregi in doratura a caldo a motivi fitomorfi. Al secondo scomparto dall’alto tassello si legge, ormai sbiadito: “VOYAGE || A TERRE || SAINTE”. Al dorso al piede consueta etichetta cartacea con attuale segnatura. Il piatto anteriore è completamente staccato dalla pelle e dal cartone della legatura ed è tenuto assieme solo dai nervi. Taglio spruzzato in rosso, al taglio di piede macchie di inchiostro marrone scuro. Ex libris della Biblioteca del Convento di San Salvatore al risguardo anteriore. Al recto della carta di guardia anteriore si leggono le vecchie segnature (ITS 77a; B I 35). Sotto a queste a penna nera di mano contemporanea si legge: “Voyagè || de || Marcello || Ladoire || ofm || 1720”. Al verso della carta di guardia anteriore nota ottocentesca in inchiostro marrone: “E.ne Prisè de la langue || francaise abtenu fran || Nr. frs fum Water Keyn || au Pensiannat a Hemesum || le 1 Avril 1822 || Fue j’atteste, || D. Mannetkenys || Mautre de Pension”. A c. ã1r si legge inchiostro marrone di mano ottocentesca (diversa da quella della nota di dono), in alto verso l’interno della pagina: “sign. 6 8b xi: 1734. RENOBABITRON ET BRIATLI TIVOR || 824”. Sempre alla stessa carta in centro di pagina si legge a matita di mano moderna: “par Marcil Ladoire, mic-l’ust”. Timbro rettangolare viola della Biblioteca del Convento di San Salvatore al recto della carta di guardia anteriore, ripetuto anche in altre parti del volume, anche in colorazione blu. Timbro ellissoidale blu della Biblioteca del Convento di San Salvatore a c. ã1r, ripetuto anche in altre parti del volume, anche in colorazione viola. Timbro con numero di ingresso a c. R12v in centro nella parte inferiore (01925). La c. H6 è trasposta prima della c. H5; la c. H8 trasposta prima della c. H7 (l’errore è segnalato a matita al margine alto esterno delle carte da mano moderna); la pelle sotto alla carta dei risguardi ha lasciato le carte di guardia sporche ai margini; lieve gora d’acqua nelle carte della seconda parte del fascicolo E al margine superiore esterno. I fascicoli A e N sono leggermente bruniti. Buono stato di conservazione.

 

Nelle ultime pagine si tratta della restaurazione, fatta all’epoca, della Chiesa del Santo Sepolcro e della Basilica della Natività a Gerusalemme.

Cerl Thesaurus cnp00149054.