Domenico Laffi,
Viaggio in Levante al Santo Sepolcro di N. S. G. Christo, et altri luoghi di Terra Santa, Bologna, Antonio Pisarri (eredi), 1683.

 

8°, pp. [16] 576, +8 A-Z8 Aa-Nn8, ill.

A c. +8v silografia con la Croce (121x85 mm).

 

Repertori bibliografici e cataloghi

Tobler p. 113; Amat p. 451Röhricht n. 1178; brunelli n. 119; sbn IT\ICCU\CFIE\008722.

 

Immagini: coperta, frontespizio, silografie e calcografie

 

 {gallery}R2941{/gallery}

 

Esemplare Gerusalemme, Biblioteca dello Studium Biblicum Franciscanum, R 2941

mm 150x98. Legatura settecentesca in pergamena rigida, anima in cartone. Grossa macchia di inchiostro marrone al piatto anteriore, tarlato, ma restaurato. Dorso a cinque scomparti delineati dai nervi, al secondo dall’alto si leggono, in inchiostro marrone, il nome dell’autore, mentre al terzo il titolo dell’opera. Al piede consueta etichetta con attuale segnatura che copre quella vecchia. Al recto della carta di guardia anteriore timbro rettangolare blu dello Studium Biblicum Francicanum, ripetuto anche al verso della carta di guardia posteriore (42.125). Sempre al recto della carta di guardia anteriore vecchie segnature a matita (27/19; GB 596, cancellata questa). Al verso della carta di guardia anteriore fogliettino con note circa il testo di p. Arce (informa su quali luoghi Laffi visitò in maniera approfondita e quali invece soltanto intravide e che l’anno del viaggio fu il 1679.) A c. +2r sigillo ellissoidale blu dell’Istituto Biblico Francescano e sigillo ellissoidale blu della Biblioteca del Convento di San Salvatore; sigillo tondo blu del Guardiano del Monte Sion, sempre alla stessa carta nota manoscritta seicentesca in inchiostro marrone chiaro: “D. Laffi (?)”. Una mano moderna scrive poi in penna blu in nome dell’autore e i dati di edizione. Il nervo di testa è rotto nella parte centrale del volume. Mutilo della c. +1. Buono stato di conservazione.

 

Domenico Laffi, nato a Vedegheto di Savigno, i trasferì quasi subito a Bologna; le notizie sulla sua vita sono discontinue e si ricavano in gran parte dagli scritti dei suoi viaggi. Il viaggio, compiuto due volte, a Santiago di Compostela fu trasposto nel testo (che conobbe una notevole fortuna) Viaggio in Ponente a San Giacomo di Galitia e Finis Terrae, per Francia e Spagna, pubblicato nel 1673 a Bologna. Nel 1678 il sacerdote Domenico Laffi intraprese invece il viaggio verso Gerusalemme che fruttò la presente edizione del Viaggio in Levante al Santo Sepolcro di N.S. G. Christo et altri luoghi di Terra Santa pubblicato sempre in Bologna nel 1683.

Emilio Russo, Laffi, Domenico, in Dizionario Biografico degli Italiani, 63, 2004, pp. 56-58.