George Christoff Von Neitzschitz,
Sieben-jährige und gefährliche neu-verbesserte Europae, Asiat und Africanische welt beschreibung, Nürenberg, Christoff Jägern, 1674.

 

4°, pp. [8] 320 [24], ):(4 A-Z4 Aa-Uu4, ill.

Testo che conobbe varie edizioni in lingua tedesca nel corso Seicento, la princeps è del 1666. La carta Ff2 è segnata erroneamente F2.

 

Repertori bibliografici e cataloghi

Tobler p. 102; Röhricht n. 1030; vd17 on-line 23:299864T.

 

Immagini: coperta, frontespizio, silografie e calcografie

 

 {gallery}ITS_SEI_B17{/gallery}

 

Esemplare Gerusalemme, Biblioteca Generale della Custodia di Terra Santa, ITS SEI B.17

mm 187x147. Esemplare corto in testa e in piede. Legatura novecentesca in mezza pelle, anima in cartone e piatti rivestiti in carta marmorizzata marrone, gialla e verde. Dorso a quattro scomparti con nervi in rilievo, definiti da delle linee dorate e in alto al primo scomparto greca dorata a motivi floreali. Taglio spruzzato in azzurro. Ex libris della Biblioteca del Convento di San Salvatore al risguardo anteriore. Al recto della carta di guardia anteriore si leggono le vecchie segnature (A. 1637; D II 23). Diversi marginalia a sanguinella e in inchiostro nero. La c. A1 è stata integrata con una striscia di carta su cui si leggono delle scritte, in inchiostro nero, di mano settecentesca. Timbro rettangolare blu della Biblioteca del Convento di S. Salvatore a c. ):(1r, ripetuto anche in altre parti del volume, anche in colorazione viola. Timbro ellissoidale blu della Biblioteca del Convento di S. Salvatore al recto della carta di guardia anteriore, ripetuto anche in altre parti del volume, anche in colorazione viola. Timbro con numero di ingresso a c. Uu4v al margine esterno (02498). Mutilo delle cc. ):(3 e ):(4. Macchie di inchiostro marrone a c. F4. Gora d’acqua al margine alto del primo fascicolo. Esemplare attraversato in molti punti da camminamenti di tarlo, alcune carte sono state restaurate con della carta di apporto (a c. A1r la strisciolina utilizzata presenta delle annotazioni manoscritte settecentesche, illeggibili), in altre permangono i buchi dei tarli. Il fascicolo Hh risulta pesantemente danneggiato (e non restaurato) al margine superiore esterno delle carte. Lievi ad alcune carte. Cattivo stato di conservazione.

 

Il testo, ricco com’è di citazioni da libri eruditi e di riferimenti a stranezze di ogni tipo, si dimostra come chiaro modello di quella corrente del genere degli itinera che, appunto, affiancava al testo vero e proprio che narrava il viaggio, tutta una serie di rimandi a fonti erudite e a topoi che miravano ad ampliare e ad arricchire, a tratti in modo sovrabbondante, l’apparato testuale.

Allgemeine Deutsche Biographie, 23 (1886), pp. 415-417.