Libro o pratica en Cirurgia, traduzione di Miguel Pascual, Zaragoza, Juan Soler, gennaio 1581

2°, cc. [8] 245 [1], +8 A-Z8 Aa-Gg8 Hh6, ill.

Iberian Books. Books published in Spanish or Portuguese or on the Iberian Peninsula before 1601, Leiden-Boston, Brill, 2010. Scheda n. 4299

mm. 285x193. Legatura novecentesca in pelle marmorizzata marrone, taglio spruzzato blu. Rarissimi segni di lettura e notabilia. Esemplare ampiamente rifilato con danni ai marginalia a stampa e ai titoli correnti. Qualche carta strappata. Macchie, gore d’acqua, brunitura di alcune carte. Al recto della guardia anteriore, nel margine superiore, nota manoscritta tardocinquecentesca, in parte asportata con la rifilatura, “Comprolo El D.° Martini del [...] p[...] perez cirujana y le costo de f[...]feis Reales 1593”.

{gallery}10-medicina{/gallery}

Giovanni da Vigo (ca. 1450-1517) fu chirurgo e medico di corte del cardinale Giuliano della Rovere (poi papa Giulio II) e del cardinale Sisto della Rovere. Nel 1514 pubblicò a Roma la Practica in chirurgia, opera molto nota ai suoi tempi, che vide una quarantina fra edizioni e traduzioni. Le edizioni in lingua spagnola furono tre, ovvero Valencia (1557), Zaragoza (1581) e Perpinyà (1627). L’opera è suddivisa in nove libri, che nella versione latina sono rispettivamente intitolati: De anathomia; De apostematibus; De vulneribus; De ulceribus; De morbo gallico et iuncturarum doloribus; De fractura et dislocatione; De natura simplicium et eorum posse; Antidotarium; De nonnullis additionibus pro operis complemento. Definito “opus modernum”, non si discosta in realtà di molto dalle opinioni degli antichi ma affronta le questioni chirurgiche in un’ottica nuova, secondo le esigenze del malato, prestando molta attenzione al metodo empirico sperimentale. Il Da Vigo, nel 1517, pubblicò un compendio dell’opera intitolato Practica compendiosa.

........................................................................................................

Giovanni da Vigo was a surgeon and physician. This work was edited and translated about forty times: although it relies heavily on ancient thought, its perspective is entirely new and original. This is probably the reason behind the success of the Libro o practica en Cirugia gained a large success.