Instituciones chirurgicas, ó cirugía completa universal

L’opera è suddivisa in 4 volumi. Manca il III. I 3 posseduti appartengono forse a differenti edizioni. Sui cataloghi disponibili online non è stato possibile individuare una scheda completa e dettagliata. vedi Palau y Dulcet

Tomo primero: Madrid, En la Oficina de Antonio Marin, 1770

4°, pp. [24] 542 [2], 10 carte di tav. ripiegate; segn. a-c4 A-Z4 A-Zz4 Aaa-Yyy4

mm. 203x146. Legatura coeva in pergamena floscia. Segni di legacci ai piatti. Alcune bruciature, macchie di umidità. Alla carta di guardia anteriore nota manoscritta settecentesca “Pertenecen á el Almazen/ Los deseo Fr. Antonio Palau/ Son 4 tomos”. Al frontespizio altra nota manoscritta della stessa mano “Almazen de Sanctus Ferm… Alm…”. Presenti, inframmezzate al testo, 10 carte di tavole ripiegate, denominate “TAB. I”, “TAB. II” etc.

Tomo segundo: Madrid, En la Oficina de la Viuda de Manuel Fernandez, 1759

4°, pp. [16] 412, 13 carte di tav. ripiegate; fasc. ¶-¶¶4 A-Z4 Aa-Zz4 Aaa-Eee4 Fff2

mm. 203x149. Legatura coeva in pergamena floscia. Segni di legacci ai piatti. Presenti bruciature, macchie di umidità, rari camminamenti da tarlo e lieve brunitura di alcune carte. Alla carta di guardia anteriore nota manoscritta settecentesca “Es del ... Fr. Anton Palau.”. Presenti, inframmezzate al testo, 13 carte di tavole ripiegate, la cui numerazione prosegue dal I vol.

Tomo quarto: Madrid, en la Imprenta de la Viuda de Manuel Fernandez, 1762

4°, pp. [24] 152, 300, 12 carte di tav. di cui 6 ripiegate; fasc. ¶-¶¶¶4 A-T4, A-Z4 Aa-Oo4 Pp2

mm. 197x145. Legatura coeva in pergamena floscia. Segni di legacci ai piatti. Alcune macchie di umidità e rare macchie di cera. Rari camminamenti da tarlo e lieve brunitura di alcune carte. Alla carta di guardia nota manoscritta settecentesca “Es del ... Fr. Antonio Palau”. Dopo la c. T4v la numerazione ricomincia da 1 e termina a 300; queste pagine contengono varie dissertazioni medico-chirurgiche. Anche la segnatura dei fascicoli riparte dalla lettera A. La c. Gg4v è numerata erroneamente 340. Le prime 4 carte di tavole sono ripiegate e numerate da XXXVII a XXXX. Le restanti 8, di cui solo 2 ripiegate, sono numerate da I a VIII.

{gallery}21-medicina{/gallery}

Lorenz Heister (1683-1758) fu uno dei più importanti medici di origine tedesca, considerato il padre della chirurgia moderna in Germania. Ricordato soprattutto per l’insegnamento universitario, che accompagnò alla pratica sul campo, fu grande studioso non solo di chirurgia ma anche di botanica, medicina e anatomia. La sua opera più importante fu il Compendium anatomicum, ma nel 1718 fu pubblicato a Norimberga anche il Compendium institutionum sive fundamentorum medicinae, in lingua tedesca, qui conservato nella traduzione spagnola. L’opera è ritenuta come tra le più ampie e complete sull’argomento, pubblicate sino a quel momento; venne infatti poi tradotta in latino, francese, italiano, inglese e addirittura giapponese.

........................................................................................................

Lorenz Heister is considered the father of modern surgery in Germany. The first edition of this work was published in 1718 in Nuremberg; the presence of numerous illustrations contributed to its success. The book was translated into many languages, including Japanese.